Letto: 131

Ecografi, le novità sui dispositivi in commercio (e quelli in arrivo)

L’ecografia, nel corso di questi anni, è diventato uno degli esami più frequenti e utili per fornire una diagnosi rispetto a una patologia o un disturbo da cui siamo afflitti, perché consente di  visualizzare una buona parte degli organi e dei tessuti del nostro corpo, sia in fase diagnostica che nelle fasi precedenti o successive di un intervento.

Il suo utilizzo è ormai di routine, infatti, in ambito internistico, chirurgico e radiologico: si va dalle indagini di base in caso di sospetta massa tumorale, di attacco ischemico transitorio, di traumi o di TIA per organi come tiroide, cuore, mammella, vasi sanguigni, ghiandole salivari, apparato urogenitale; e si prosegue con le indagini più specifiche per verificare lo stato di avanzamento della gravidanza o di patologie come ictus, tumore alla vescica o problemi all’apparato muscolo-scheletrico, fino ad arrivare a vere e proprie indagini specialistiche, soprattutto in caso di insufficienza renale, tumori o lesioni all’apparato gastrointestinale e per usi in pediatria.

Tanti pro e qualche contro. In genere, l’ecografia viene privilegiata innanzitutto per il suo costo, che si rivela più basso rispetto ad altre analisi; in più, ha il vantaggio di essere innocua e non invasiva, perché si basa sugli ultrasuoni e sul principio scientifico dell’emissione di eco e della trasmissione delle onde ultrasonore, e quindi può essere ripetuta senza danni anche con frequenza mensile (non a caso, è l’esame che tipicamente viene consigliato per monitorare lo stato del feto durante la gravidanza); infine, si esegue in poco tempo e anche i risultati del referto sono disponibili immediatamente dopo la fine delle operazioni. Accanto a questi numerosi “pro”, tuttavia, bisogna citare anche alcuni limiti propri di questa indagine: innanzitutto, non è di interpretazione immediata, ma necessita dell’intervento di un operatore esperto e competente; poi, non consente un’indagine estremamente approfondita, data la sua natura, e infine possono presentarsi degli ostacoli durante l’esecuzione, che rendono impossibile l’esame.

Verso il futuro. La tecnologia sta “invadendo” anche l’ambito medico sanitario, e difatti all’ultimo Congresso della Società italiana di medicina interna è stato presentato il prototipo di un tablet di dimensioni medie, con spessore di appena due centimetri, che consentirà di eseguire ecografie direttamente a domicilio, senza bisogno di far spostare il paziente malato fino alla clinica. Questi dispositivi andranno appoggiati direttamente sull’area del corpo del paziente da indagare, e permetteranno di visualizzare in tempo reale le zone del collo, del cuore, dell’addome, del torace, nonché di vedere direttamente sullo schermo del tablet i movimenti del bimbo nel grembo materno. Dal punto di vista più generale, poi, l’uso di questi accessori può garantire un grande risparmio di risorse e tempi di degenza, semplificando la situazione del malato e avviando subito l’eventuale terapia di cura.

Passi da gigante. In attesa della diffusione di queste nuove modalità di esame, già oggi gli strumenti a disposizione di medici e operatori del settore sono diventati sempre più innovativi e precisi: sul portale di Medisan Shop, specializzato nella vendita di apparecchi e dispositivi elettromedicali, si possono ad esempio visualizzare le schede informative di alcuni dei migliori ecografi sul mercato. Il primo dettaglio che salta all’occhio è quello delle dimensioni: se, una volta, queste macchine occupavano quasi un’intera stanza, adesso invece è possibile acquistare uno strumento che sta nel palmo di una mano, vista la miniaturizzazione delle componenti elettroniche che ha portato allo sviluppo di costruire apparecchi ecografici di alta gamma, ma al contempo compatti e leggeri, che si rivelano particolarmente utili per eventuali visite a domicilio, oltre che per interventi di tipo veterinario sui nostri amici animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *