Leovince, il brand che dà voce alle moto

Il segreto del successo è spesso, in realtà, una combinazione di vari fattori, in cui non manca un pizzico di fortuna; quando però si combinano in modo sapiente tradizione e innovazione, mettendo insieme utilizzo delle tecnologie più moderne per la progettazione, un team di ingegneri e tecnici altamente qualificati, fasi di creazione artigianale a mano e materiali di alta qualità, i risultati non possono che essere positivi. E per capire di cosa parliamo basta dare un’occhiata ai prodotti finiti, proposti anche dai siti specializzati come Omnia Racing, che permettono di scoprire tutto il valore e l’eccellenza delle soluzioni proposte da Leovince per chi intende dare un nuovo suono alla propria moto.

Continue reading “Leovince, il brand che dà voce alle moto”

Ecografi, le novità sui dispositivi in commercio (e quelli in arrivo)

L’ecografia, nel corso di questi anni, è diventato uno degli esami più frequenti e utili per fornire una diagnosi rispetto a una patologia o un disturbo da cui siamo afflitti, perché consente di  visualizzare una buona parte degli organi e dei tessuti del nostro corpo, sia in fase diagnostica che nelle fasi precedenti o successive di un intervento.

Il suo utilizzo è ormai di routine, infatti, in ambito internistico, chirurgico e radiologico: si va dalle indagini di base in caso di sospetta massa tumorale, di attacco ischemico transitorio, di traumi o di TIA per organi come tiroide, cuore, mammella, vasi sanguigni, ghiandole salivari, apparato urogenitale; e si prosegue con le indagini più specifiche per verificare lo stato di avanzamento della gravidanza o di patologie come ictus, tumore alla vescica o problemi all’apparato muscolo-scheletrico, fino ad arrivare a vere e proprie indagini specialistiche, soprattutto in caso di insufficienza renale, tumori o lesioni all’apparato gastrointestinale e per usi in pediatria.

Continue reading “Ecografi, le novità sui dispositivi in commercio (e quelli in arrivo)”

Hai dimenticato di pagare il pedaggio autostradale? Rivolgiti ai punti vendita SisalPay e scopri il servizio offerto

Può capitare a tutti, per diversi motivi, di dimenticare di pagare il pedaggio delle autostrade e quando accade, al casello autostradale viene emesso uno scontrino che ne attesta la mancata corrispondenza. Una volta ritirato lo scontrino, hai a disposizione 15 giorni per pagare il pedaggio dovuto senza subire penali ma, superati i 15 giorni, l’importo di pagamento richiesto aumenterà degli oneri di accertamento della segnalazione ricevuta.

Se cerchi un’alternativa comoda che ti permetta di pagare le lettere di sollecito (quelle ricevute per posta ma non quelle ritirate ai caselli) dei pagamenti non effettuati dei pedaggi autostradali puoi affidarti al circuito di pagamenti di SisalPay rivolgendoti ai punti bar, tabacchi ed edicole presenti in tutta Italia. Ti basterà presentare al ricevitore il codice a barre riportato nella lettera di sollecito per effettuare il pagamento in maniera facile e veloce.

Continue reading “Hai dimenticato di pagare il pedaggio autostradale? Rivolgiti ai punti vendita SisalPay e scopri il servizio offerto”

La grande crisi che ci fa dire addio a Sky

Non è un segreto, anzi, sono anni ormai che sentiamo lo stesso ritornello, un ritornello che non volge a cessarsi: l’Italia è un paese in crisi, non c’è lavoro, aumentano i disoccupati  e bisogna stringere sempre di più la cinghia per poter andare avanti.

La crisi, infatti ha cambiato sensibilmente le abitudini degli italiani: ne risente la spesa alimentare e dei beni di prima necessità, dove si compra lo stretto necessario senza esagerare (o magari aspettando le offerte dei prodotti), ma soprattutto, ne risente tutta quella fetta che riguarda il tempo libero.

Con la crisi, gli italiani hanno cambiato il loro modo di vivere: la gente esce di meno per evitare di spendere, acquista i vestiti ai saldi e nei grandi magazzini, viaggia low cost… . E ciò non ha certamente risparmiato la Pay TV.

Continue reading “La grande crisi che ci fa dire addio a Sky”

Codice degli appalti, vinta la corsa contro il tempo

Una corsa contro il tempo: possiamo definire così la lunga strada che è trascorsa dall’approvazione delle tre direttive europee che nel 2014 hanno modificato il settore degli Appalti negli Stati membri e l’adeguamento normativo italiano, che deve essere completato entro il prossimo 18 aprile.

Già, perché ancora una volta il nostro Paese arriva in ritardo – o quanto meno sul filo di lana – all’appuntamento, e grazie solo a una accelerazione molto forte avuta negli ultimi mesi, per evitare di disperdere un lavoro iniziato anni fa e che ha come obiettivo finale, come più volte ribadito e spiegato anche con gli articoli e gli aggiornamenti di Appaltitalia, la riforma completa del Codice degli Appalti, per innovare e migliorare l’intero settore.

Continue reading “Codice degli appalti, vinta la corsa contro il tempo”